gennaio 2010

Lo Statuto

Fondazione “Uniti per crescere inseme” Onlus

STATUTO

Art. 1 - Costituzione

È costituita una Fondazione denominata “Uniti per crescere insieme”, con sede in Milano,

Viale Bianca Maria n. 9.

La Fondazione ha l'obbligo di usare, nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, la locuzione «organizzazione non lucrativa di utilità sociale» o l'acronimo «ONLUS».

Delegazioni e uffici potranno essere costituiti sia in Italia che all’estero onde svolgere, in via accessoria e strumentale rispetto alle finalità della fondazione, attività di promozione nonché di sviluppo ed incremento della necessaria rete di relazioni nazionali e internazionali di supporto alla Fondazione stessa.

Essa risponde ai principi ed allo schema giuridico della Fondazione di Partecipazione,nell’ambito del più vasto genere di Fondazioni disciplinato dal Codice Civile e leggi collegate.

La Fondazione non ha scopo di lucro e non può distribuire utili.

Art. 2 - Finalità

La Fondazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale e si pone quali scopi l’individuazione, l’ideazione, la definizione, il supporto e la promozione di progetti socio-assistenziali e socio-educativi rivolti in particolare a soggetti svantaggiati in Italia e all’estero. Tali progetti di interesse sociale e umanitario si intendono dedicati a realtà bisognevoli di sostegno riferendosi, in particolar modo, a minori e adolescenti anche appartenenti a collettività estere di paesi in Via di Sviluppo, portatori di handicap fisici o psichici, tossicodipendenti, detenuti, ex-detenuti, ragazze madri, donne maltrattate, minori immigrati e loro famiglie, vittime di sisma o alluvioni e situazioni speciali nell’ambito nazionale e internazionale (preparazione di piani di crisi-intervento).
La Fondazione intende altresì porsi quale soggetto qualificato per studi e ricerche volte al benessere psico-fisico della comunità, in particolar modo sull’utilizzo del Circo e Teatro Sociale, della Clownterapia e del Pensiero Positivo in aree di disagio, su soggetti a rischio sociale e per la valutazione e standardizzazione degli indici di efficacia dei medesimi.

Art. 3 - ATTIVITÀ DIRETTAMENTE CONNESSE

La Fondazione non può svolgere attività diverse da quelle indicate negli scopi di cui all’art. 2, ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse, ovvero, a titolo esemplificativo e non tassativo:

a) svolgere attività di beneficenza, assistenza sociale e formazione anche mediante il sostegno individuale; la formazione professionale culturale e artistica; l’introduzione dei giovani nel mondo della Clownterapia, del Circo e Teatro Sociale dell’animazione in genere con promozione di corsi, riunioni, stage, seminari e progetti da realizzare in Italia e all’estero;

b) promuovere e organizzare seminari, manifestazioni, convegni, incontri, sull’applicazione della Clownterapia, Circo e Teatro Sociale nell’abito del disagio procedendo alla pubblicazione dei relativi atti o documenti, e tutte quelle iniziative idonee a favorire un organico contatto tra la Fondazione, gli operatori ed organismi nazionali ed internazionali, i relativi addetti e il pubblico;

c) invio di aiuti umanitari a componenti di attività estere in Paesi in Via di Sviluppo per la realizzazione di micro progetti di sostegno anche a distanza;

d) stipulare ogni opportuno atto o contratto, anche per il finanziamento delle operazioni deliberate, tra cui, senza l’esclusione di altri, l’assunzione di prestiti e mutui, a breve o a lungo termine, l’acquisto, in proprietà o in diritto di superficie, di immobili, la stipula di convenzioni di qualsiasi genere anche trascrivibili nei pubblici registri, con enti pubblici o privati, che siano considerate opportune e utili per il raggiungimento degli scopi della Fondazione;

e) amministrare e gestire i beni di cui sia proprietaria, locatrice, comodataria o comunque posseduti;

f) partecipare ad associazioni, fondazioni, enti ed istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente, al perseguimento di scopi analoghi a quelli della Fondazione medesima; la Fondazione potrà, ove lo ritenga opportuno, concorrere anche alla costituzione degli organismi anzidetti;

g) gestire direttamente o indirettamente spazi funzionali agli scopi di cui all’art. 2;

h) stipulare convenzioni per l’affidamento a terzi di parte di attività;

i) svolgere, in via accessoria e strumentale al perseguimento dei fini istituzionali, attività di commercializzazione, anche con riferimento al settore dell’editoria, nei limiti delle leggi vigenti, e degli audiovisivi in genere;

j) svolgere ogni altra attività idonea ovvero di supporto al perseguimento delle finalità istituzionali.

Articolo 4 - Vigilanza

Le Autorità competenti vigilano sull’attività della Fondazione ai sensi del Codice Civile e della legislazione speciale in materia.

Articolo 5 - Patrimonio

Il patrimonio della Fondazione è composto:

- dal fondo di dotazione costituito dai conferimenti in denaro o beni mobili e immobili, o altre utilità impiegabili per il perseguimento degli scopi, effettuati dai Fondatori Promotori, dai Fondatori o da altri partecipanti;

- dai beni mobili e immobili che pervengano o perverranno a qualsiasi titolo alla Fondazione, compresi quelli dalla stessa acquistati secondo le norme del presente Statuto;

- dalle elargizioni fatte da enti o da privati con espressa destinazione a incremento del patrimonio;

- dalla parte di rendite non utilizzata che, con delibera del Consiglio di Indirizzo, può essere destinata a incrementare il patrimonio;

- da contributi attribuiti al patrimonio dall’Unione Europea, dallo Stato, da enti territoriali o da altri enti pubblici.

Articolo 6 - Fondo di Gestione

Il Fondo di Gestione della Fondazione è costituito:

- dalle rendite e dai proventi derivanti dal patrimonio e dalle attività della Fondazione medesima;

- da eventuali donazioni o disposizioni testamentarie, che non siano espressamente destinate al fondo di dotazione;

- da eventuali altri contributi attribuiti dallo stato, da enti territoriali o da altri enti pubblici;

- dai contributi in qualsiasi forma concessi dai Fondatori Promotori, dai Fondatori e dei Partecipanti;

- dai ricavi delle attività istituzionali, accessorie, strumentali e connesse.

Le rendite e le risorse della Fondazione saranno impiegate per il funzionamento della Fondazione stessa e per la realizzazione dei suoi scopi.

Articolo 7 - Esercizio finanziario

L’esercizio finanziario ha inizio il 10 gennaio e termina il 31 dicembre di ciascun anno. Entro il mese di novembre il Consiglio di Indirizzo approva il budget previsionale dell’esercizio successivo ed entro il 30 aprile successivo il bilancio consuntivo di quello decorso, predisposti dall’Organo di Gestione. Copia del budget preventivo e del bilancio consuntivo viene trasmessa ai Fondatori Promotori.
Nella redazione del bilancio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa, in ossequio alle norme vigenti tempo per tempo, dovranno essere seguiti i principi dettati dal Codice Civile in tema di società di capitali, ove compatibili.
Gli organi della Fondazione, nell’ambito delle rispettive competenze, possono contrarre impegni e assumere obbligazioni nei limiti degli stanziamenti del bilancio approvato.
La Fondazione ha l'obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
È vietata la distribuzione, anche in modo indiretto, di utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita della Fondazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre ONLUS che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.

Articolo 8 - Membri della Fondazione

I membri della Fondazione si dividono in:

- Fondatori Promotori e Fondatori;

- Partecipanti.

Articolo 9 - Fondatori Promotori e Fondatori

Sono Fondatori Promotori i Signori Maria Luisa Mirabella e Sergio Pinarello.

Ciascun Fondatore Promotore può designare, anche in via testamentaria, persona destinata a subentrare in sua vece nell’esercizio delle prerogative e dei diritti di cui al presente statuto; e così in perpetuo.
Qualora il Fondatore Promotore decaduto non abbia proceduto alla designazione di cui al precedente comma, sarà il Fondatore Promotore superstite a procedere alla designazione di persona destinata a subentrare in vece del Fondatore Promotore decaduto nell’esercizio delle prerogative e dei diritti di cui al presente statuto.
Qualora venissero a mancare, per qualsiasi causa, entrambi i Fondatori Promotori, senza che questi ultimi abbiano proceduto alla designazione di cui al comma 2 del presente articolo, sarà il Consiglio di Indirizzo a procedere alla designazione di persone destinate a subentrare in vece dei Fondatori Promotori decaduti nell’esercizio delle prerogative e dei diritti di cui al presente statuto.
È Fondatore l’“Associazione Nazionale di Promozione Sociale Viviamoinpositivo”, con sede in Rivoli (TO).
Possono divenire Fondatori, nominati tali con deliberazione inappellabile del Consiglio d’Indirizzo, le persone fisiche e giuridiche, pubbliche o private e gli enti che contribuiscano al Fondo di Dotazione ed al Fondo di Gestione, mediante contributi in denaro ovvero l’attribuzione di beni materiali o immateriali, determinati dal Consiglio d’Indirizzo medesimo.

Articolo 10 - Partecipanti

Possono ottenere la qualifica di Partecipanti le persone fisiche o giuridiche, pubbliche o private, e gli enti che, condividendo le finalità della Fondazione, contribuiscono alla vita della medesima e alla realizzazione dei suoi scopi mediante contributi in denaro, annuali o pluriennali, con le modalità e in misura non inferiore a quella stabilita, anche annualmente, dal Consiglio di Indirizzo ovvero con un’attività, anche professionale, di particolare rilievo o con l’attribuzione di beni materiali o immateriali.
Il Consiglio di Indirizzo potrà determinare con Regolamento la possibile suddivisione e raggruppamento dei Partecipanti per categorie di attività e di partecipazione alla Fondazione. I Partecipanti potranno destinare il proprio contributo a specifici progetti rientranti nell’ambito delle attività della Fondazione. La qualifica di Partecipante dura per tutto il periodo per il quale il contributo è stato regolarmente versato o la prestazione è stata effettuata.

Articolo 11 - Partecipanti esteri

Possono essere nominati Partecipanti anche le persone fisiche e giuridiche nonché gli enti pubblici o privati o altre istituzioni aventi sede all’estero.

Articolo 12 - Esclusione e recesso

Il Consiglio di Indirizzo decide, con deliberazione assunta con il voto favorevole della maggioranza dei suoi membri, l’esclusione di Fondatori e Partecipanti per grave e reiterato inadempimento degli obblighi e doveri derivanti dal presente Statuto, tra cui, in via esemplificativa e non tassativa:

- inadempimento dell’obbligo di effettuare le contribuzioni e i conferimenti previsti dal presente Statuto;

- condotta incompatibile con gli scopi della Fondazione di cui all’art. 2 e con il dovere di collaborazione con le altre componenti della Fondazione;

- comportamento contrario al dovere di prestazioni non patrimoniali.

Nel caso di enti e/o persone giuridiche, l’esclusione può aver luogo anche per i seguenti

motivi:

- trasformazione, fusione e scissione;

- trasferimento, a qualsiasi titolo, del pacchetto di controllo o sua variazione;

- ricorso al mercato del capitale di rischio;

- estinzione, a qualsiasi titolo dovuta;

- apertura di procedure di liquidazione;

- fallimento e/o apertura delle procedure concorsuali anche stragiudiziali.

I Partecipanti e i Fondatori possono, in ogni momento, recedere dalla Fondazione, fermo restando il dovere di adempimento delle obbligazioni assunte.

I Fondatori Promotori non possono in alcun caso essere esclusi dalla Fondazione.

Articolo 13 - Organi ed Uffici della Fondazione

Sono organi della Fondazione:

- il Consiglio d’Indirizzo;

- il Presidente ed il Vice Presidente della Fondazione;

- l'Organo di Gestione;

- il Collegio dei Revisori dei Conti.

È ufficio della Fondazione il Direttore, ove nominato ai sensi dell’articolo 17.

Articolo 14 - Consiglio d’Indirizzo

Il Consiglio d’Indirizzo è composto da un minimo di tre ad un massimo di nove membri.

La composizione sarà la seguente:

a) i Fondatori Promotori, o persona dai medesimi soggetti designata ai sensi dell’art. 9 del presente statuto;

b) fino a tre membri nominati dai Fondatori Promotori, con deliberazione comune;

c) un membro nominato dal Fondatore “Associazione Nazionale di Promozione Sociale Viviamoinpositivo”, e per esso dal suo Presidente;

d) fino ad tre membri nominato dai membri come sopra individuati, scegliendoli tra i Fondatori.

Il Consiglio così composto potrà cooptare fino ad altri due membri, scegliendoli anche tra i Partecipanti e tra soggetti ritenuti di utilità per l’attività della Fondazione. In tal caso, il Consiglio sarà composto al massimo da undici membri.

In ogni caso i membri sub a) e b) devono rappresentare almeno la metà più uno dei componenti l'intero Consiglio di Indirizzo.

I membri del Consiglio d’Indirizzo, ad eccezione dei membri sub a), restano in carica sino all'approvazione del bilancio consuntivo relativo al quarto esercizio successivo alla loro nomina e possono essere confermati, salvo revoca da parte del soggetto che li ha nominati prima della scadenza del mandato.

Il membro del Consiglio d’Indirizzo che, senza giustificato motivo, non partecipa a tre riunioni consecutive, può essere dichiarato decaduto dal Consiglio stesso. In tal caso, come in ogni altra ipotesi di vacanza della carica di Consigliere, si procederà alla sostituzione del/i consigliere/i decaduto/i secondo le modalità previste per la nomina di cui al secondo comma. Qualora il numero dei Consiglieri sia inferiore a tre, il Consiglio si intende decaduto e dovrà essere ricostituito ai sensi del presente statuto.

Il Consiglio d’Indirizzo delibera gli obiettivi ed i programmi della Fondazione proposti dall'Organo di Gestione e verifica i risultati complessivi della gestione della medesima.

In particolare provvede a:

- stabilire annualmente le linee generali dell’attività della Fondazione, nell’ambito degli

scopi e delle attività di cui agli articoli 2 e 3 del presente statuto;

- approvare il programma pluriennale delle attività;

- stabilire i criteri per assumere la qualifica di Fondatore e procedere alla relativa nomina

- stabilire i criteri per assumere la qualifica di Partecipante;

- approvare il bilancio di previsione e il bilancio consuntivo, su proposta dell'Organo di Gestione;

- nominare il Presidente della Fondazione, scegliendolo tra i membri sub a) del secondo comma del presente articolo;

- nominare il Vice Presidente della Fondazione, scegliendolo al proprio interno;

- nominare i membri dell’Organo di Gestione;

- nominare i membri del Collegio dei Revisori dei Conti;

- individuare le linee generali dell’assetto organizzativo della Fondazione , in relazione allo sviluppo delle attività e del piano formativo della Fondazione;

- nominare, ove necessario, un Direttore, come ufficio ausiliario dell’Organo di Gestione, scegliendolo tra persone dotate di specifiche competenze e professionalità, anche tra soggetti esterni alla Fondazione, determinandone compiti, durata e natura dell'incarico;

- deliberare eventuali modifiche statutarie;

- deliberare in merito allo scioglimento della Fondazione e alla devoluzione del patrimonio.

Il Consiglio di Indirizzo è convocato d’iniziativa dal Presidente o, su suo incarico, dal Vicepresidente a ciò delegato. Il Consiglio può essere convocato, inoltre, su richiesta di almeno un terzo dei membri; in quest'ultimo caso, e in caso di inerzia del Presidente e del Vice Presidente incaricato, alla convocazione provvederà il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti. Per la convocazione non sono richieste formalità particolari se non mezzi idonei all’informazione di tutti i membri, di cui si abbia prova della avvenuta ricezione da parte del destinatario. Le convocazioni sono inoltrate almeno dieci giorni prima di quello fissato per l’adunanza; in caso di necessità od urgenza, la comunicazione può avvenire tre giorni prima della data fissata. L’avviso di convocazione deve contenere: l’ordine del giorno della seduta, il luogo e l’ora. Esso può contestualmente indicare anche il giorno e l’ora della seconda convocazione, e può stabilire che questa sia fissata lo stesso giorno della prima convocazione a non meno di un’ora di distanza da questa. Il Consiglio si riunisce validamente, in prima convocazione, con la presenza dei due terzi dei membri; in seconda convocazione la riunione è valida qualunque sia il numero dei presenti, purché siano presenti i Fondatori Promotori. Le deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente. Le deliberazioni concernenti l’approvazione del bilancio, l’approvazione delle modifiche statutarie e lo scioglimento dell’Ente, sono validamente adottate con il voto favorevole dei Fondatori Promotori.
Le riunioni sono presiedute dal Presidente o in caso di sua assenza od impedimento dal Vice Presidente; in caso di assenza di entrambi la riunione viene aggiornata.
Delle riunioni del Consiglio è redatto apposito verbale, firmato da chi presiede il Consiglio medesimo e dal segretario.

Articolo 15 - Organo di Gestione

La Fondazione è amministrata su decisione del Consiglio d’Indirizzo:

- dal Consigliere Delegato,

o

- dal Consiglio di Gestione, composto da tre membri, compreso il Presidente della Fondazione.

I membri dell’Organo di Gestione restano in carica sino a dimissioni o revoca anche senza giusta causa. La veste di membro del Consiglio d’Indirizzo è compatibile con quella di membro dell’Organo di Gestione.

L'Organo di Gestione provvede all’amministrazione ordinaria e straordinaria ed alla gestione della Fondazione, con criteri di economicità, efficacia ed efficienza, nell’ambito dei piani, dei progetti e delle linee di bilancio deliberati dal Consiglio d’Indirizzo. In particolare l'Organo di Gestione provvede a:

- predisporre i programmi e gli obiettivi, da presentare annualmente all’approvazione del Consiglio d’Indirizzo;

- proporre al Consiglio d’Indirizzo i regolamenti della Fondazione;

- nominare i Responsabili dei Dipartimenti determinandone funzioni, natura e durata del rapporto;

- procedere alla nomina dei Partecipanti nel rispetto dei criteri stabiliti dal Consiglio di Indirizzo;

- approvare i regolamenti della Fondazione, acquisito il parere del Consiglio d’Indirizzo;

- approvare l’assetto organizzativo della Fondazione, in relazione allo sviluppo delle attività e del piano formativo della Fondazione;

- deliberare in ordine all’accettazione di eredità, legati e contributi;

- predisporre le proposte dei bilanci preventivo e consuntivo.

Per una migliore efficacia nella gestione, il Consiglio di Gestione, ove costituito, può delegare, con propria deliberazione adottata ai sensi di legge, parte dei propri poteri ad alcuni dei suoi membri.
Il Consiglio di Gestione, ove costituito, è convocato dal Presidente, di propria iniziativa o su richiesta di almeno un terzo dei membri del Consiglio stesso, senza obblighi di forma, purché con mezzi idonei di cui si abbia prova della avvenuta ricezione da parte del destinatario. Le convocazioni sono inoltrate almeno sette giorni prima di quello fissato per l’adunanza; in caso di necessità od urgenza, la comunicazione può avvenire tre giorni prima della data fissata.
L’avviso di convocazione deve contenere: l’ordine del giorno della seduta, il luogo e l’ora. Esso può contestualmente indicare anche il giorno e l’ora della seconda convocazione, e può stabilire che questa sia fissata lo stesso giorno della prima convocazione a non meno di un’ora di distanza da questa.
Il Consiglio di Gestione è validamente costituito con la presenza della maggioranza dei membri in carica e delibera a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto di chi presiede.

Articolo 16 - Presidente della Fondazione

Il Presidente della Fondazione, che è anche Presidente del Consiglio d’Indirizzo e, ove costituito, del Consiglio di Gestione, è nominato dal Consiglio di Indirizzo al proprio interno, ai sensi dell’art. 14 del presente statuto.
Il Presidente ha la legale rappresentanza della Fondazione di fronte ai terzi, agisce e resiste avanti a qualsiasi autorità amministrativa o giurisdizionale, nominando avvocati. Egli può delegare singoli compiti ai Vice Presidenti.
In particolare, il Presidente cura le relazioni con enti, istituzioni, imprese pubbliche e private e altri organismi, anche al fine di instaurare rapporti di collaborazione e sostegno delle singole iniziative della Fondazione. Il Presidente convoca, almeno una volta all’anno e qualora lo ritenga opportuno, una riunione dei Partecipanti e Fondatori, quale momento di confronto ed analisi dell’attività della Fondazione, nonché di proposta di nuove iniziative o valutazioni.
In caso di assenza od impedimento del Presidente, egli è sostituito dal Vice Presidente.

Articolo 17 - Direttore

Il Direttore, quale ufficio ausiliario dell’Organo di Gestione, è nominato dal Consiglio d’Indirizzo, ove necessario, e scelto tra persone dotate di specifiche competenze e professionalità, anche tra soggetti esterni alla Fondazione. La carica di Direttore è compatibile con la carica di Consigliere di Indirizzo e di membro dell’Organo di Gestione. Il Direttore relativamente ai poteri ad esso conferiti al momento della nomina, ha autonomia decisionale, nell’ambito dei programmi, delle linee di sviluppo della Fondazione e degli stanziamenti approvati.
Il Direttore è responsabile operativo della Fondazione e collabora con il Presidente e con l’Organo di Gestione ai fini del buon andamento amministrativo e gestionale della medesima.
Egli, in particolare:

- provvede alla gestione organizzativa ed amministrativa della Fondazione, nonché alla organizzazione e promozione delle singole iniziative approvate, predisponendo mezzi e strumenti necessari per la loro concreta attuazione;

- dà esecuzione, nelle materie di propria competenza, alle deliberazioni degli organi della Fondazione nonché agli atti del Presidente

Il Direttore partecipa senza diritto di voto alla riunioni degli organi collegiali della Fondazioni, nonché ad eventuali commissioni o comitati.

Articolo 18 - Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri nominati dal Consiglio di Indirizzo di cui uno con funzione di Presidente, scelto tra persone iscritte nel registro dei Revisori contabili. Il Collegio dei Revisori dei Conti accerta la regolare tenuta delle scritture contabili, esamina le proposte di bilancio preventivo e di rendiconto economico e finanziario, redigendo apposite relazioni, ed effettua verifiche di cassa.
Degli accertamenti eseguiti deve farsi constare nell’apposito Libro delle Adunanze e deliberazioni del Collegio dei Revisori dei Conti.
I membri del Collegio dei Revisori dei Conti possono partecipare senza diritto di voto alle riunioni del Consiglio d’Indirizzo e del Consiglio di Gestione, ove istituito. I membri del Collegio dei Revisori dei Conti restano in carica sino all'approvazione del bilancio consuntivo relativo al quarto esercizio successivo alla loro nomina e possono essere riconfermati per una sola volta.

Articolo 19 - Scioglimento

In caso di scioglimento della Fondazione per qualunque causa, il soggetto cui si proporrà di devolvere il patrimonio residuo verrà individuato, acquisito il parere favorevole del Fondatore, con deliberazione del Consiglio di Indirizzo, che nopminerà anche la persona del liquidatore; in ogni caso, il patrimonio residuo dovrà essere devoluto ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

Articolo 20 - Clausola di rinvio

Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le disposizioni del Codice Civile e le norme di legge vigenti in materia.

Articolo 21 - Norma transitoria

Gli organi della Fondazione potranno immediatamente e validamente operare nel numero, anche inferiore a quello stabilito dal presente statuto, e nella composizione determinata in sede di atto costitutivo e verranno successivamente integrati.

Organigramma

FONDATORI

Fondatori e promotori: Maria Luisa Mirabella, Sergio Pinarello
Fondatore: Associazione Nazionale di Promozione Sociale ViviamoInPositivo (VIP APS)

Presidente e legale rappresentante: Maria Luisa Mirabella
Direttore: Sara Sibona
Vice Direttore: Luca Marzini
Responsabile Fund Raising-Bomboniere solidali: Elena Scarparo

CONSIGLIO DI INDIRIZZO

Presidente: Maria Luisa Mirabella
Vice Presidente: Sergio Pinarello
Consigliere:  Riccardo Cavallo
Consigliere: Raffaele Ballarati

CONSIGLIO DI GESTIONE

Presidente: Maria Luisa Mirabella
Consigliere: Riccardo Cavallo
Consigliere: Sara Sibona

COLLEGIO DEI REVISORI

In forza dal 24-3-2010 sino all’approvazione del bilancio del 30/04/2014
Presidente: Dott. Gianluigi Caliman – Revisore Contabile Albo di Milano
Revisore: Studio Raffaele Ballarati – Consulente del lavoro Albo di Milano




Circomobile

 

Il Circomobile, ispirato all’innovativa “Pedagogia del Circo Sociale”, è un servizio di arti circensi itinerante, con valenza ludico-educativa, capace di sollecitare occasioni spontanee e organizzate di incontro e di gioco nei luoghi dove risiedono e vivono bambini, ragazzi, adolescenti, promuovendo la loro partecipazione nel rispetto della dignità e delle differenze di ognuno.

Obiettivi del CircoMobile

- Educare alla socialità e alla convivenza pacifica;
- Favorire l'integrazione sociale di bambini, adolescenti e giovani adulti;
- Favorire l'autonomia, la partecipazione e il protagonismo giovanile.

Cirvcomobile è attivo a Sassari e Torino.

CIRCOMOBILE A SASSARI

-       Circomobile a Stintino(con gli adolescenti del paese), in collaborazione col Comune di Stintino. Il laboratorio è iniziato il 15 Settembre 2011 e si svolge tutti i lunedì dalle 18 alle 19.30 presso una sala del centro di aggregazione sociale.

-       Circomobile a Tottubella(con gli adulti del paese) in collaborazione con don Emanuele Piredda. Il laboratorio è iniziato il 19 Settembre 2011 si svolge ogni 15 giorni, il lunedì dalle 20.30 alle 22 presso una sala delle vecchie scuole medie trasformata in casa pastorale.

-       Circomobile a Tottubella(con gli adolescenti del paese) in collaborazione con don Emanuele Piredda. Il laboratorio è iniziato il 20 Settembre e si svolge ogni martedì dalle 16.15 alle 17.45 presso una sala della vecchie scuole medie trasformata in casa pastorale.

-       Circomobile al Campo Rom di Sassari, progetto ripartito dopo la pausa estiva in collaborazione con l'Ufficio Animazione della Caritas Turritana di Sassari. Gli incontri si svolgono tutte le settimane ogni mercoledì e ogni giovedì.

-       Circomobile a Siligo presso la Comunità di Vita S'aspru Mondo X Sardegna. Si svolge ogni martedì dalle ore 19 alle 20.30.

-       Circomobile a Sassari presso la Basilica Pontificia del Sacro Cuore
in collaborazione con don Francesco Meloni. Si svolge tutti i mercoledì dalle 18.00 alle 19.30 presso il salone parrocchiale.

Sede operativa Sassari
Cell. 3471752578 (Nicola Virdis)
circomobile-sassari@unitipercrescereinsieme.it

CIRCOMOBILE A TORINO

Circoscrizione 7 - Sermig
giugno/luglio - martedì mattina

Circoscrizione 8 - Estadò - Parco del Valentino
giugno/luglio - lunedì e giovedì dalle 15.30 alle 18.30

Circoscrizione 10 - Mirafiori - Via Fleming
giugno/luglio - Giovedì mattina

Sede operativa "Casa Circostanza" - Torino
Via Sordevolo, 7 (Circ. 6)
circostanza@unitipercrescereinsieme.it
tel. 0117651620

Progetto Circospedale

PROGETTO CIRCOSPEDALE

Laboratori di "piccolo circo sociale" in corsia

 



 

CIRCOSPEDALE è una Scuola di Piccolo Circo terapeutico e sociale che si svolge settimanalmente (per un intero pomeriggio) nei reparti di lungodegenza nei seguenti presidi ospedalieri:
Ospedale Infantile Regina Margherita - Torino (Reparti: Oncoematologia, Pneumologia e fibrosi cistica) - Il progetto è attivo dal 2010
Clinica De Marchi - Milano (Reparti: Pneumologia e fibrosi cistica) - Il progetto è attivo dal 2012
Ospedale Umberto I° - Roma (Reparti: Oncologia pediatrica) - 
Il progetto è attivo dal 2012
Ospedale Rizzoli - Bologna (Reparti: Chirurgia ortopedica, Chemioterapia) - 
Il progetto è attivo dal 2013

Ogni anno usufruiscono dellle attività di Piccolo Circo in ospedale più di 800 bambini/adolescenti.

Il Progetto Circospedale rappresenta la prima e unica progettualità a livello nazionale di scuola di piccolo circo sociale nelle corsie degli ospedali infantili. Circospedale si rivolge a minori/adolescenti affetti da patologie croniche, potenzialmente mortali, soggetti a lunghi periodi di ospedalizzazione. Attraverso l’insegnamento delle arti circensi ai bambini/adolescenti, Circospedale contribuisce a favorire la resilienza  e la cura globale del bambino.

L’utilizzo della pedagogia del circo aiuta il bambino a esprimersi al meglio: apprendendo le tecniche circensi il bambino, acquisisce fiducia nelle proprie abilità e capacità, ha la possibilità di giocare, apprendere e mettere in pratica tecniche circensi. Vengono coinvolti nel progetto anche i genitori e i parenti.

 

 

Gli operatori-educatori-circensi della Fondazione UCI hanno elaborato  un percorso laboratoriale composto da attività di tipo circense a misura di bambino e/o adolescente, che attraverso il gioco, le arti circensi e la fantasia  permettono ai piccoli pazienti di vivere momenti di autostima e di protagonismo. Il percorso proposto abbassa le ansie di bambini/adolescenti e loro parenti, ne facilita il superamento e nel contempo potenzia la resilienza.

Per i bambini degenti, sviluppare la creatività e sentirsi protagonisti (ad esempio nella dimostrazione a parenti o personale ospedaliero di una tecnica circense appresa) - persino in reparti particolarmente difficili come quello di Oncologia - è un aiuto  notevole a sviluppare le proprie risorse interiori e a reagire  positivamente al periodo di ospedalizzazione.


Circospedale - Oncologia - Ospedale Umberto 1° - Roma

Come impieghiamo le vostre donazioni:

-  2 operatori (educatori/circensi) svolgono attività per 4 ore settimanali per 11 mesi in un reparto:  3.520 Euro
- Acquisto materiale circense per 1 reparto Ospedaliero per un anno: 1.200,00 Euro

Progetto Circostanza

Progetto Circostanza®

Il circo in una stanza per cambiare le circostanza della vita


Laboratori permanenti di circo sociale condotti da educatori e circensi professionisti in collaborazione con Centri Giustizia Minorile, Istituti Penali Minorili, Servizi Sociali, Centri di aggregazione giovanile, Comunità educative e terapeutiche minorili a Bologna, Milano, Torino.

 

DOVE?

BOLOGNA:
CIRCOSTANZA - Istituto Penale per Minorenni "Pratello"
1 volta la settimana - 2 operatori - Gruppo Accoglienza

MILANO:
CIRCOSTANZA: Istituto Penale per Minorenni "C. Beccaria"
1 volta la settimana - 2 operatori - Gruppo Orientamento 1-2

TORINO: CASA CIRCOSTANZA - SERMIG - ASAI

 

Donazioni

La realizzazione dei progetti della Fondazione "Uniti per Crescere Insieme" Onlus dipende dal sostegno economico ricevuto, e la loro portata è proporzionata a queste risorse.
Anche una donazione minima ci può aiutare a sostenere i nostri progetti a favore di bambini/adolescenti e giovani adulti in aree di disagio (ospedali, carceri, comunità, territorio).

Aiutaci ad aiutare i nostri giovani!

COORDINATE BANCARIE

Banca Etica
filiale di Torino - Via S. Pio V, 15 bis - 10125 Torino
Intestazione: Uniti per crescere insieme
IBAN: IT 84 G 05018 01000 000000130076

BIC: CCRTIT2T84A

COORDINATE POSTALI

CONTO CORRENTE POSTALE:
Intestatario: Uniti per crescere insieme (Fondazione Onlus)
Conto n. 3463086
Cod. IBAN: IT-37-Z-07601-01000-000003463086

Contributo 5x1000

Uniti per crescere insieme … i nostri giovani !

Aiutaci a sostenere i Progetti di Circo Sociale per aiutare bambini e adolescenti
soprattutto quelli a rischio di emarginazione sociale, culturale e di devianza

Uniti per ...sostenere insieme  progetti
rivolti a bambini e adolescenti ospedalizzati o
a rischio di emarginazione sociale
Dona il tuo 5 x 1000 alla

Fondazione Uniti per crescere insieme Onlus
CF: 97535980151

Quest'anno la tua dichiarazione dei redditi può aiutarci a migliorare la vita di bambini e adolescenti. E' infatti possibile destinare il proprio 5 per mille dell'Irpef quale contributo di solidarietà a favore dei nostri progetti.

Sulla tua dichiarazione dei redditi metti la firma nella casella che identifica le Associazioni/Fondazioni e riporta il codice fiscale di Uniti pe rcrescere insieme: 97535980151

Quali progetti potrò sostenere se scelgo di destinare il mio 5 per mille alla fondazione Uniti per crescere insieme Onlus?

- CIRCOSPEDALE: progetti di circo-educativo sociale in ospedale rivolto a bambini e adolescenti in reparti di lungo-degenza (Oncologia, Neuropsichiatria, Pneumologia)

- UNITI PER... IL CIRCO: progetti di circo sociale (prevenzione e riduzione del danno) rivolto a minori a rischio di emarginazione sociale in scuole, centri di aggregazione giovanile, Comunità, carcere minorile, strada.

Per saperne di più sul 5 per mille

Cos’è il 5 per mille?
È la possibilità di destinare il 5 per mille dell’Irpef (cioè lo 0,5% delle imposte sul reddito delle persone fisiche) quale contributo di solidarietà ad una organizzazione non profit.
Questa decisione è stata assunta dal governo italiano con il Dpcm del 20 gennaio 2006 pubblicato sulla gazzetta ufficiale n.22 del 27 gennaio 2006 per favorire il sostegno degli enti di utilità sociale. La decisione è già valida per i redditi del 2005.

Se sottoscriverò il 5 per mille pagherò più tasse?
No, il contribuente pagherà l’imposta Irpef dovuta e niente di più. È il governo che destina una parte dell’imposta dovuta dal contribuente (e precisamente il 5 per mille) per scopi di solidarietà.

Quali sono gli enti che riceveranno il 5 per mille?
Sono le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le fondazioni, gli enti che fanno ricerca scientifica, le università e i comuni di residenza del contribuente. La Federazione VIP ViviamoInPositivo Italia ONLUS, in qualità di Onlus, è un ente accreditato presso l'Agenzia delle Entrate e potrà così essere destinataria del 5 per mille.

Cosa devo fare per destinare il 5 per mille a un ente specifico?
Basta porre la propria firma in uno dei riquadri che si trovano sul primo foglio della dichiarazione dei redditi (modello Cud , oppure modello 730/1 bis, oppure modello Unico) e riportare per iscritto il codice fiscale dell’ente che si vuole sostenere. Per sostenere i progetti di Clownterapia e Circo Sociale dell'Associazione ViviamoInPositivo basta inserire la propria firma nel primo riquadro a sinistra destinato alle Associazioni e trascrivere il codice fiscale: 97535980151

Posso destinare il 5 per mille a due enti di solidarietà?
No, si può fare solo una scelta e destinare il 5 per mille a un solo ente di solidarietà.

Se scelgo il 5 per mille posso fare anche l’8 per mille?
Sì, la scelta del 5 per mille si aggiunge all’8 per mille. Si possono perciò fare ambedue le scelte senza che il contribuente abbia un aggravio di imposte.
 

Bomboniere Solidali Circo Sociale e Clownterapia

Bomboniere Solidali


Per celebrare le occasioni più belle della vita, con le bomboniere solidali della Fondazione Uniti per crescere insieme ONLUS, darai ancora più valore ai tuoi eventi!

BOMBONIERE SOLIDALI semplici, eleganti, diverse!
Regalando una bomboniera solidale rendi ancora più prezioso il tuo evento e contribuisci a sostenere il progetto Circospedale, il circo sociale nei reparti di Oncologia, Pneumologia e Chemioterapia degli ospedali di Torino, Milano, Bologna, Roma.

Le nostre Bomboniere solidali sono adatte per ogni occasione importante: 
Bomboniere Matrimonio, Bomboniere Battesimo, Bomboniere Comunione, Bomboniere Cresima, Bomboniere Laurea, Bomboniere Nozze d'Argento, Bomboniere Nozze d'Oro, Bomboniere Pensione.

NEL MESE DI AGOSTO SIAMO APERTI  E CONTINUEREMO A RISPONDERE AI VOSTRI ORDINI.

Orario d'ufficio (agosto) 9.30/14.00 dal lunedì al venerdì. Per info chiamare lo 011.198.36.793

 

 

Bomboniera Naso Rosso Basic

Il pacchetto comprende:

- 1 Naso Rosso in gomma
- Biglietto donazione (misure 7,5 x 5,5) 
- Nastrino 
(I confetti non sono inclusi)

Donazione: € 5,00
____________________________

Bomboniera Naso Rosso New

Il pacchetto comprende:
- 1 Naso Rosso in gomma con elastico
- 1 scatolina portaconfetti già montata (misure cm 7 x 7 h 4)
- 1 scatolina portaconfetti già montata
- lettera personalizzabile
 (in formato A4 o A5) con tipo evento,data, nome festeggiato/i, eventuale foto
- Nastrino (disponibile solo in colore rosso)
(I confetti non sono inclusi)

Donazione: € 7.00 
 

[Dettagli]

Come ordinare - confetti 



Bomboniere solidali: portachiave "Cuore"



Il pacchetto comprende: 
- 1 portachiavi a cuore appoggiato sul cotone 
- 1 poesia “Il cuore” all’interno della scatolina a fiocco 
- 1 lettera sostenitore personalizzabile (in formato A5)
- 1 nastro rosso

[dettagli]

Come ordinare - confetti 
 

 

Bomboniere solidali: ciondolo-portachiavi "Albero della vita"

 

Il pacchetto comprende:
- 1 portachiavi-ciondolo ”Albero” appoggiato sul cotone
- 1 poesia “Albero della vita” all’interno della scatolina a fiocco
- 1 lettera sostenitore personalizzabile (in formato A5)
- 1 nastro rosso

[dettagli]

Come ordinare - confetti 
 

 

Bomboniere solidali: ciondolo-portachiave "Angelo"

 

Il pacchetto comprende:
- 1 portachiavi-ciondolo "Angelo" con brillantini appoggiato sul cotone
- 1 poesia "Angelo custide" all'interno della scatolina a fiocoo
- 1 lettere sostenitore personalizzabile (in formato A5)
- 1 nastro rosso

[dettagli]

Come ordinare - confetti 
 

 

Bomboniere solidali: ciondolo-portachiave "Bimbo o Bimba"


Il pacchetto comprende:
- 1 portachiavi-ciondolo “bimbo” o "bimba" con brillantini appoggiato sul cotone
- 1 poesia “I Figli” all’interno della scatolina a fiocco
- 1 lettera sostenitore personalizzabile (in formato A5)
- 1 nastro rosso
 
 

[dettagli]

Come ordinare - confetti 
 

 

bomboniere solidali Batik del Kenya

Bomboniera matrimonio
Il batik del Kenia

Batik realizzati in Kenia presso la comunità Koinonia di Nairobi.
In diversi colori e temi

Misurano circa 26cm x 40cm e vengono inviati confezionati in una scatola di 8cm x 8cm x 25cm contenente il batik legato da un nastro e un foglio informativo.

(Articolo in esaurimento, confermare disponibilità)

[dettagli]

Come ordinare - confetti 
 

 

Bomboniera matrimonio
Le peonie arcobaleno


Ogni Peonia, il cui diametro è di circa 12 cm, è appoggiata su di un piedistallo in legno e ospitata in una confezione di cartoncino color avorio. 

[dettagli]

Come ordinare - confetti 


circornice

La Circornice è una cornice di legno grezzo con disegno di giocoliere sul bordo. Piolo di legno per tenere la cornice in piedi.

La misura della cornice è di cm 10 x cm 10. La foto all’interno può misurare cm 4,5 x cm 4,5. Comprende lettera di accompagnamento. La scatola che contiene la cornice misura cm 13 x cm 14,5.

Dettagli

Come ordinare - confetti 

 

La bomboniera segnalibro Stella è un elegante segnalibro in acciaio a forma di stella, con nastrino.

Il pacchetto include: 
- una Stella segnalibro in metallo e una poesia, confezionate nella scatolina;
- la lettera-sostenitore personalizzata 
- un nastro rosso

Dimensioni
- la stella segnalibro misura 8cm x 7cm;
- la scatola misura 9cm x 10cm.

dettagli

Come ordinare - confetti 
 

 
Bomboniere solidali "Ho scelto te"

Candela a cuore,  rossa, profumata alla vaniglia, in scatolina di metallo personalizzata.

Con poesia di Laurence confezionata in scatolina bianca. Compresa lettera accompagnamento.
Misure della candela cm 6 x cm 5 – misure scatola 6,50 cm x 7 cm - h.4.

Dettagli

Come ordinare - confetti 

Bomboniere solidali VIP - Lo Scrigno

Questa bomboniera solidale, a forma di scrigno chiuso da un fiocco, contiene un grande cristallo di Quarzo Rosa (40 mm circa) adagiato su morbida ovatta. È adatta per quelle occasioni in cui si desideri offrire un prezioso segno d’affetto, di riconoscenza, d’amore.

Alla confezione è allegata una breve poesia e la descrizione delle proprietà del cristallo.

Dettagli

Come ordinare - confetti 


Bomboniere solidali VIP - Viva gli sposi

Viva gli sposi!

Bomboniera solidale, ideata espressamente come ricordo di matrimonio, contiene due cristalli di Quarzo Rosa, la “Pietra dell’Amore” e viene donata dagli sposi a chi partecipa alla loro gioia, come augurio di serenità e armonia.
Alla confezione è allegata una breve poesia e la descrizione delle proprietà del cristallo.

Dettagli

Come ordinare - confetti 


Bomboniere solidali VIP - Quarzo Rosa

Quarzo Rosa

Il Quarzo Rosa adagiato su cotone e racchiuso dentro un cuore a cui è unita una piccola pergamena con una poesia.

Una bomboniera solidale per... chi ti sta a cuore.

Dettagli

Come ordinare - confetti 


Bomboniera solidale_ametista

Lo sguardo si spinse oltre l’orizzonte
dove gli occhi non potevano giungere
La luce avvolse ogni cosa
E tutto divenne chiaro

Una bomboniera solidale preziosa: quarzo di Ametista

Dettagli

Come ordinare - confetti 


Bomboniere solidale: I porta confetti

 

Bomboniera solidale porta confetti "Cupcake" 

 

dettagli

Come ordinare - confetti 

 

Bomboniera solidale porta confetti "Mongolfiera"

dettagli

Come ordinare - confetti 

 

Bomboniera solidale porta confetti "Tortina"

dettagli

Come ordinare - confetti 

Bomboniera solidale porta confetti "Dondolo"

dettagli

Come ordinare - confetti 

Bomboniera solidale porta confetti "Fiorellino" e "Pink Butterfly"

dettagli

Come ordinare - confetti 

Bomboniera solidale porta confetti "Wedding Buterfly"

dettagli

Come ordinare - confetti 

 

Bomboniera solidale porta confetti "Baby Boy e Baby Girl"

dettagli

Come ordinare - confetti 

 


Tulle porta confetti 

dettagli

Come ordinare - confetti 

 

Bomboniera solidale porta confetti "Riflesso"

dettagli

Come ordinare - confetti 

 

 

Scrivete a bombonieresolidali@clownterapia.it per:
- avere conferma della disponibilità degli oggetti;
- ricevere un modello di Lettera-Sostegno (comunicando il tipo di evento);
- richiedere altre informazioni.

La storia

Uniti per crescere insieme Onlus prende vita il 1° ottobre del 2009 per iniziativa di Maria Luisa Mirabella e Sergio Pinarello (promotori-fondatori) e della Associazione di Promozione Sociale ViviamoInPositivo (fondatore).

La fondazione Uniti per crescere insieme Onlus (UCI) nasce con il sostegno e il bagaglio di esperienza nell'ambito della Clownterapia e del Circo Sociale accumulato negli anni di attività dell'Associazione ViviamoInPositivo (VIP APS) fondata nel 1997 dagli stessi Maria Luisa Mirabella e Sergio Pinarello e ne prosegue i progetti e le attività sociali ed educative.

Siti dell'Associazione VIP APS:
www.viviamoinpositivo.org
www.clownterapia.it
www.circosociale.it